ARIT - produzione

  • Full Screen
  • Wide Screen
  • Narrow Screen
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

E-gov Regione Abruzzo

E-gov Regione AbruzzoIl piano di e-government regionale è uno strumento per la programmazione e la definizione delle politiche di sviluppo della società dell'informazione a livello locale e si inserisce all'interno del piano europeo e nazionale ....

ICAR

ICARICAR (Interoperabilità e Cooperazione Applicativa fra le Regioni) è l’azione interregionale finalizzata al coordinamento dello sviluppo in tutti i territori regionali della cooperazione applicativa secondo le specifiche SPCoop. L'azione è stata avviata ....

Data Center - RA

Data Center - ARIT Soluzioni e servizi tecnologici in outsourcing per la PA locale - L’Agenzia offre soluzioni tecnologiche alla PA Locale e agli Enti che erogano servizi informatici sul territorio regionale .....

GEO Portale

Geo portaleIl Servizio Infrastrutture statistiche e geografiche fornisce un canale di diffusione delle informazioni territoriali prodotte dalla Regione Abruzzo e si pone l'obiettivo di garantire il miglioramento dei servizi offerti al cittadino ....

Sanità elettronica

E-health

Le nuove opportunità generate dall’evoluzione della tecnologia insieme alla spinta per un migliore livello di servizio hanno permesso di lanciare negli ultimi anni, in larga parte dei paesi avanzati, ampi programmi per la creazione di infrastrutture di Sanità Elettronica ....

Home

Sistema identità digitali

Email Stampa PDF

Identità digitaleTratto da www.agendadigitale.eu

Con la legge n. 98 del 9 Agosto 2013 il Governo Italiano ha introdotto all’art. 17-ter il Servizio Pubblico di Identità Digitale (SPID).
Il Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri che ne definisce le modalità di adesione ed erogazione è ormai in dirittura di arrivo e non appena ottenuti i concerti del Ministero dell’Economia e Finanze e del Garante della Privacy, sarà inviato a Bruxelles in ottemperanza del Regolamento 98/48. Dopo 90 giorni (il c.d. “stand still period”), se non vi sono eccezioni, il Decreto sarà pubblicato in Gazzetta Ufficiale.
Il tema dell’Identità Digitale è stato più volte identificato, a ragion veduta,  come uno dei pilastri dell’Agenda Digitale. L’uso di Identità Digitali sicure permetterà di aumentare la fiducia dei cittadini nei servizi Internet, ivi inclusi i sistemi di pagamento online, facilitando l’accesso ai servizi e abilitando una serie di nuove funzionalità utili sia per i portali della Pubblica Amministrazione, sia per i servizi offerti dai privati, come l’e-commerce. L’uso di un sistema pubblico di Identità Digitale consentirà inoltre di contrastare in maniera molto efficace i fenomeni criminali e in particolare il Furto d’Identità e l’”impersonificazione”, tipologie di frode informatica in rapida crescita. L’Identità Digitale come concepita in SPID consentirà un aumento della tutela della Privacy, visto che verranno notevolmente ridotti gli archivi contenenti dati personali.
L'Identità Digitale è l’insieme delle informazioni che ci permette di accedere a servizi digitali di qualsiasi natura. Ci permette di essere riconosciuti, di proteggere il nostro accesso e i nostri dati. Lo standard ISO 24760 parte 1 la definisce come un insieme di attributi relativi ad una entità (persona fisica, persona giuridica, sistema, oggetto, ecc.). Questi attributi possono essere informazioni personali (Nome, Cognome, data di nascita), informazioni relative al nostro profilo (indirizzo di email, consenso privacy, abilitazioni a servizi, ecc.). Tra gli attributi, ve ne sono alcuni speciali denominati credenziali: sono utilizzati per poter accedere in modo sicuro ai sevizi. La forma più semplice e conosciuta di credenziale è la “Password”, ma negli ultimi anni si sono diffusi sistemi molto più affidabili e sicuri, dalle "One Time Password" alle Smart Card (Carta Nazionale dei Servizi), dalle App di sicurezza ai sistemi biometrici.

Leggi tutto...

Asta pubblica per la vendita di n.1 autovettura di proprietà dell'Agenzia Regionale per l'Informatica e la Telematica

Email Stampa PDF

ARITE' pubblicato nella sezione GARE - PROCEDURE APERTE il bando per l'asta pubblica per la vendita di n.1 autovettura di proprietà dell'Agenzia Regionale per l'Informatica e la Telematica.

Clicca qui per scaricare il bando per l'asta pubblica

Avviso pubblico per la costituzione di un elenco ristretto degli Avvocati di Fiducia (short list) per l’affidamento di incarichi professionali presso l’Agenzia Regionale per l'Informatica e la Telematica

Email Stampa PDF

ARITE' pubblicato nella sezione BANDI DI CONCORSO un avviso per per la formazione di una short list di Avvocati cui conferire incarichi per la rappresentanza in giudizio e per il patrocinio dell’Agenzia secondo la normativa vigente.

Clicca qui per scaricare l'avviso

Riuso e valutazione comparativa del software per le Pubbliche Amministrazioni

Email Stampa PDF

Open SourceL’Agenzia per l’Italia Digitale ha emanato la Circolare n. 63/2013 (PDF allegato al termine di questo articolo) relativa alle Linee guida per la valutazione comparativa prevista dall’art. 68 del d.lgs. 7 marzo 2005, n. 82 - “Codice dell’Amministrazione Digitale”.

La Circolare illustra, attraverso l’esposizione di un percorso metodologico e di una serie di esempi, le modalità e i criteri per l’effettuazione della valutazione comparativa delle soluzioni prevista dal Codice per l’Amministrazione Digitale all’art. 68.

Le citate Linee guida sono indirizzate alle pubbliche amministrazioni elencate nell’art. 2, comma 2 del d.lgs. 7 marzo 2005, n. 82 che devono acquisire prodotti e soluzioni software da utilizzare nell’ambito dei propri compiti istituzionali. Alcuni dei contenuti delle Linee guida sono peraltro d’interesse anche per gli operatori del mercato ICT.

Allegati:
Scarica questo file (circolare_agid_63-2013_linee_guida_art_68_del_cad_ver_13_b.pdf)circolare_agid_63-2013_linee_guida_art_68_del_cad_ver_13_b.pdf[ Circolare AgID n. 63/2013 relativa alle Linee guida per la valutazione comparativa]1520 Kb
Leggi tutto...

Bozza del codice di comportamento dei dipendenti dell'ARIT

Email Stampa PDF

ARITAi sensi dell'art. 54, comma 5, del D. Lgs. n. 165/2001 e ss.mm.ii. e dell'art. 1, comma 2, del D.P.R. n. 62/2013, il Responsabile per la prevenzione della corruzione e per la trasparenza ha elaborato la bozza del Codice di comportamento dei dipendenti dell'ARIT

CLICCA QUI PER SCARICARE LA BOZZA DEL CODICE DI COMPORTAMENTO DEI DIPENDENTI DELL'ARIT

Avviso ai tecnici dipendenti di pubbliche amministrazioni per lavori di adeguamento edificio Salvaiezzi

Email Stampa PDF

E' pubblicato nella sezione BANDI DI CONCORSO un avviso rivolto ai tecnici dipendenti di pubbliche amministrazioni aggiudicatrici per il conferimento di incarichi tecnici e tecnico-amministrativi ai sensi del D.Lgs. 163/2006 e s.m.i. relativo ai Lavori di Adeguamento Civile ed Impiantistica edificio Salvaiezzi.

Clicca qui per scaricare l'avviso

Pagamenti elettronci ed e-governemnt

Email Stampa PDF

E-paymentLa digitalizzazione dei processi degli enti pubblici è un fattore imprescindibile per l’innovazione del paese che trova riscontro negli investimenti effettuati nell’ultimo decennio dalla pubblica amministrazione centrale e locale nei progetti di e-Government.

L'e-Government italiano oggi chiede non tanto nuove iniziative o progetti quanto il rafforzamento e l’ampliamento dei processi strutturanti a partire dalle funzioni di governance e di coordinamento: infatti il Codice dell’Amministrazione Digitale (CAD) ed il Sistema Pubblico di Connettività (SPC) rappresentano gli elementi infrastrutturali necessari, ma, da soli, non sufficienti, alla costruzione di un “ecosistema digitale pubblico” efficace, capace di favorire la diffusione dei servizi on-line della pubblica amministrazione, che ancora risente della mancanza di una impostazione strategica e organica destinata a integrare i servizi erogati a cittadini ed imprese con il pagamento dei medesimi.

A conferma di quanto sopra, le indagini effettuate sull’argomento evidenziano che le richieste degli utenti riguardano la possibilità di utilizzare tutti i canali di pagamento informatico disponibili per le transazioni tra privati per gestire le relazioni tra utente e pubblica amministrazione, in particolare per ciò che riguarda l’effettuazione in modalità informatiche dei pagamenti in a favore degli enti pubblici.

Appare pertanto necessario operare affinché i processi strutturanti a sostegno della digitalizzazione dei pagamenti informatici a favore delle pubbliche amministrazioni, siano oggetto di attenzione all’interno dell’Agenda Digitale, in linea con quanto previsto dal piano europeo.

Allegati:
Scarica questo file (circolare_oil_v_2_1.pdf)circolare_oil_v_2_1.pdf[Circolare AgID per la revisione e normalizzazione del protocollo sulle regole tecniche ed obbligatorietà dell’utilizzo nei servizi di tesoreria e di cassa]414 Kb
Scarica questo file (lineeguidapagamenti_v_1_1.pdf)lineeguidapagamenti_v_1_1.pdf[Linee guida per l'effettuazione di pagamenti elettronici alla Pubblica Amministrazione]745 Kb
Scarica questo file (specifiche_attuative_nodo_1_6.zip)specifiche_attuative_nodo_1_6.zip[Specifiche tecniche del nodo di pagamento]3525 Kb
Scarica questo file (specifiche_attuative_pagamenti_1_1.pdf)specifiche_attuative_pagamenti_1_1.pdf[Specifiche attuative dei codici identificativi di versamento]1049 Kb
Leggi tutto...

Protocollo informatico e flusso documentale

Email Stampa PDF

ProtocolloIl d.lgs  30 dicembre 2010, n. 235 introduce significative modifiche ed integrazioni al Codice dell’Amministrazione Digitale, al Testo Unico delle disposizioni legislative in materia di documentazione amministrativa e, di conseguenza, al DPCM 31 ottobre 2000.
In attuazione delle nuove disposizioni normative, DigitPA ha redatto le regole tecniche di cui agli articoli 53, 55 e 66 del Testo Unico e i agli articoli 40 bis, 41 e 47 del Codice concernenti i criteri e le specifiche delle informazioni previste nelle operazioni di registrazione di protocollo. Le correlate linee guida sono in fase di predisposizione da parte di DigitPA.

In particolare, le nuove regole tecniche forniscono un quadro uniforme e completo di riferimento nella materia di cui trattasi avendo recepito ed integrato quanto disposto nel citato Codice, nel Testo Unico e nel  DPCM 31 ottobre 2000.
Per effetto delle su citate regole tecniche, le precedenti  regole  tecniche di cui al citato DPCM 31 ottobre 2000 cessano di avere efficacia dall’entrata in vigore delle nuove regole tecniche.
DigitPA ha avviato delle iniziative in favore delle amministrazioni pubbliche, con specifico riferimento ai manuali di gestione ed ai titolari,  continua a raccogliere le esperienze maturate dalle medesime, fornisce indicazioni in merito alle modalità di attuazione dei sistemi di gestione digitale dei flussi documentali e propone, in attuazione del principio di sussidiarietà, un servizio ASP (Application Service Provider) di gestione digitale dei flussi documentali.

Per maggiori approfondimenti: http://www.digitpa.gov.it/gestione-documentale/flussi-documentali-protocollo-informatico

Allegati:
Scarica questo file (Direttiva 9 dic 2002 - Trasparenza amm_va e flussi documentali.pdf)Direttiva 9 Dicembre 2002[Direttiva 9 Dicembre 2002]44 Kb
Scarica questo file (DPR 28 dic 2000 n 445 TU _ 2010.pdf)Testo Unico n.445/2000[Testo Unico n.445/2000]172 Kb
Scarica questo file (Regole tecniche protocollo informatico.pdf)Regole tecniche protocollo informatico[Regole tecniche protocollo informatico]561 Kb

Pagina 9 di 18

Non viene fatto uso di cookie per le informazioni di carattere personale, né vengono utilizzati cookie persistenti di alcun tipo ovvero sistemi per il tracciamento utenti. Se vuoi consultare la cookie policy clicca sul link. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Consulta la nostra pagina sulla privacy.

Accetto cookie da questo sito.